Scarcedda

05 marzo

La scarcedda o scarcella pasquale è un dolce tipico della cucina pugliese diffuso in molte altre regioni del Sud Italia. E' una preparazione tipica del periodo pasquale e si offriva tradizionalmente, in segno augurale, ai fidanzati e ai bambini.

Si tratta di un pane dolce che contiene uno o più uova con il guscio inserite nell'impasto e imprigionate con strisce o trecce di pasta, la scarcedda può essere di varie dimensioni e forme: ghirlanda, colomba, pulcino, coniglio, cestino ecc... spesso è ricoperta di glassa e decorazioni varie. Un dolce genuino e di semplice preparazione che piacerà a tutti.

Tempo di preparazione: 
1 ora
Ingredienti per 6-8 persone:
g 500 di farina
g 100 di zucchero
g 100 di olio d'oliva
2 uova intere 
2 tuorli d'uovo
latte tiepido
1 cucchiaino di zucchero
olio per ungere la teglia 
sale

Procedimento:
Setacciate la farina a fontana sulla spianatoia, fate un incavo al centro e aggiungete un pizzico di sale, l'olio, lo zucchero e i tuorli d'uovo. Impastate il tutto aggiungendo un cucchiaio di latte alla volta fino ad ottenere un composto omogeneo.
Staccate un pezzetto di impasto che vi servirà per le decorazioni e suddividete il rimanente in più parti, ricavate 3 o 4 cilindri delle stesse dimensioni e uniteli alle estremità, formando delle ghirlande o altre forme, al centro di ognuna affondate delicatamente un uovo con il guscio, fermatelo con un pezzetto di pasta che avete tenuto da parte o con 2-3 striscioline da incrociare sopra l'uovo.


Mettete le scarcedde su una teglia leggermente unta di olio oppure rivestita con carta forno e spennellatele in superficie con un tuorlo d'uovo sbattuto con un cucchiaino di zucchero.
Mettete nel forno caldo a 230° per 30 minuti, finché saranno leggermente dorate in superficie. Sfornatele, lasciatele raffreddare e servite.
Tradizioni:
La tradizione vuole che per ogni scarcedda le uova siano sempre di numero dispari da 1 a 21. 

Potrebbero Interessarti Anche

0 commenti