Acquacotta

28 maggio

E' un piatto tipico della cucina della bassa Maremma, nella versione attuale più diffusa in Toscana è previsto anche l'utilizzo di olio d'oliva, sedano, brodo di carne, pecorino grattugiato, uovo e pane abbrustolito..


Per aumentarne il valore nutrizionale si possono aggiungere a questo piatto grassi animali come cotenna di maiale, lardo, guanciale o pancetta.

 
Tempo di preparazione: 
40 minuti
Ingredienti per 4 persone:
g 150 di pomodori pelati
1 cipolla media
1 gambo di sedano
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva 
1 litro di brodo bollente oppure acqua calda e 2 dadi
1 peperoncino
pecorino grattugiato
pane casereccio a fette
4 uova intere (facoltativo)

Procedimento:
In una padella fate soffriggere nell'olio la cipolla ed il sedano tritati, quindi aggiungete il peperoncino ed i pomodori e fate insaporire per 10 minuti rimescolando di tanto in tanto.
Versate il brodo oppure l'acqua e i dadi e fate cuocere per altri 15 minuti circa. Disponete le fette di pane in fondine o scodelle, versate la minestra preparata e servite con pecorino grattugiato.

  • Potete preparare l'acquacotta anche con un soffritto di cipolla, aglio, olio e peperoncino, unendo poi dei funghi porcini affettati sottili, i pomodori, il brodo o l'acqua e i dadi. Fate cuocere per 20 minuti e servite con il pane. In tutte e due le versioni potete rompere sul pane, prima di versare la zuppa, un uovo a persona. 

Tradizioni:
Questa pietanza, oggi molto apprezzata e diffusa, nasce come una zuppa povera a base di verdure che variavano a seconda del periodo e della zona in cui veniva preparata. In origine era composta solamente da acqua, cipolla, sale, pane raffermo, peperoncino, pomodori ed eventuali erbe di campo.

Potrebbero Interessarti Anche

3 commenti

  1. Questa ricetta la conosco ma non l'ho mai provata ... quale migliore occasione? ;)

    RispondiElimina
  2. scusa marlin ma io invece questa ricetta non la conosco proprio, ma lo sai che in cucina sono una schiappa quindi non ti sorprenderai :D

    RispondiElimina
  3. il nome non mi è nuovo ma non ho mai preparato questa ricetta, chissà se al cucciolo piacerà, da provare ... ciao.

    RispondiElimina