L'Abruzzo

27 dicembre

E' una regione che, pur essendo posizionata geograficamente sul versante orientale dell'Italia centrale, per tradizione, storia, dialetto, cultura ed economia è legata all'Italia meridionale, capoluogo L'Aquila. Questa regione è stata unita al Molise fino al 1963 quando la Provincia di Campobasso venne proclamata regione autonoma, creando così la divisione di un territorio contraddistinto per secoli da un carattere unitario ben definito, tuttavia, secondo alcuni, il Molise è ancora da considerarsi parte integrante dell'Abruzzo, per storia, cultura e dialetti. 
L'Abruzzo è una delle mete turistiche tra le più visitate in Italia e anche in Europa, data la varietà di paesaggi e di ambienti incontaminati e selvaggi che offre con tre parchi nazionali, un parco regionale e venticinque riserve naturali. 
Da segnalare anche la tradizione editoriale di questa regione, che ha ben cinque secoli; intorno a figure di spicco nate o vissute in Abruzzo come Gabriele D'Annunzio, Ignazio Silone, Benedetto Croce ed Ennio Flaiano, solo per citarne alcune, ruotano convegni, mostre, concerti e premi letterari di rilievo internazionale, per non parlare dei paesaggi che, insieme alla bellezza delle sue città, è un'importante risorsa, gli scenari dell'Abruzzo hanno richiamato anche registi e grandi produzioni internazionali e fanno da sfondo a film come Il nome della rosa o Ladyhawke
Anche l'agricoltura è un'attività di grande importanza, tra cereali e frutteti, accanto alla viticoltura che regala, tra i suoi prodotti, etichette celebri come Montepulciano e TrebbianoL'allevamento è storicamente per lo più concentrato sugli ovini, del resto questa è la patria dei celebri arrosticini, inoltre una buona risorsa è anche la pesca.
In una regione che coltiva sia grano duro che tenero non sorprende l'importanza del pane nell'alimentazione quotidiana e la sua varietà; i pani locali spaziano da quello di mais a quello con le patate, dal casereccio a quello di Solina, fino ad arrivare a piatti tipici come la Pizza di Pasqua o la Panonta; pane che può accompagnare i celebri e notevolissimi oli, ma anche specialità come fegato dolce e fegato pazzo, entrambi insaccati a base di fegato di maiale, la mortadella di Campotosto, il guanciale, i coglioni di mulo, le salsicce tra cui il saggicciottu, il prosciutto ed il salame aquilano, le ventricine, l'annoia, e poi tanti i formaggi, in primis il pecorino in tantissime varietà locali, da cui deriva il marciotto, ma anche scamorze, caprini, caci e mozzarelle.
Immancabili in questa regione le frittate, anche a inizio pasto, che si arricchiscono di prodotti della terra come quella con la pancetta e del mare come quella con le acciughe; le uova danno vita anche ad un altro piatto tipico: le polpette con formaggio e uova; i frutti della pesca che vengono serviti come antipasti spaziano dai gamberi alle seppie, ai pesci di vario tipo che trionfano in ricette come le carpeselle o lo scapece.
In una regione prevalentemente fredda e montuosa non possono mancare certo le minestre, da quelle più delicate, come le scrippelle 'mbusse servite con brodo di gallina, a quelle vegetali a base di cardi o legumi, al minestrone con verdure, fagioli e farro a quello teramano, che alle verdure unisce le polpette, detto virtù.
Ma è la pasta la regina, uno dei simboli della regione sono i maccheroni alla chitarra, una pasta all'uovo che prende il nome dal particolare strumento su cui viene tagliata (la chitarra, in dialetto chiamata anche maccarunare, una attrezzo con corde d'acciaio su cui si stende la pasta e con il mattarello si ricavano spaghetti o maccheroni spessi, a sezione quadrata), spesso accompagnata dal ragù di agnello, da pomodoro e guanciale o dal sugo con pesceAltra pasta tipica sono le sagne o sagnette, tradizionalmente di sola acqua, farina e sale a cui oggi si aggiungono anche le uova, accompagnate da legumi e pancetta; le ceppe del teramano, che prendono il nome dal bastoncino attorno a cui vengono arrotolate; la polenta all'abruzzese; la pasta con gli scampi o con i granchi.
Con tre province affacciate sull'Adriatico il pesce in tavola non manca e le ricette cambiano di zona in zona anche per piatti simili, si ottiene così il brodetto alla pescarese, come quello alla vastese, i calamari sono apprezzati in umido o ripieni con le seppie, le canocchie possono essere preparate in pentola con vino, marinate alle erbe oppure ripiene al forno, lo scapece si arricchisce di tante varietà di pesci, l'importante è che non manchino vino e aceto, erbe e ginepro o zafferano, il polpo viene esaltato dal diavolillo, un tipo di peperoncino molto piccante, i roscioli e le triglie di scoglio possono essere marinati e grigliati, gustati con lo zafferano e accesi dal diavolillo; infine non mancano il baccalà o i molluschi come cozze e vongole, alla base del brodetto che porta il loro nome.
La carne ovina domina tavole sulle quali anche il gusto del maiale e pollame di vario tipo vengono esaltati, l'agnello si può fare al ragù e accompagnare, anche in pezzi, svariati tipi di pasta, può essere sfruttato per la coratella, regina delle mazzarelle a Teramo, e regala gli apprezzatissimi arrosticini, fatti anche con pecora o castrato, mentre il montone può essere cotto in spezzatino, celebre è la ricetta della pecora alla cottora tipica del teramano a base di carne di capra con pomodori e peperoni. Le salsicce  completano i pasti, comprese quelle di fegato; la carne suina è consumata anche in altre preparazioni come la porchetta, sono apprezzate parti meno nobili del maiale come i piedini, altro piatto tipico a base di carne di maiale è il ndocca 'ndocca, mentre il tacchino è spesso preparato in gelatina ed il pollo da vita a vari piatti tra cui il pollo abruzzese con peperoni
Ad accompagnare i secondi piatti, patate e broccoli, cardi e cannellini; l'Abruzzo vanta tante specialità anche in questo campo, dall'aglio rosso di Sulmona al carciofo di Vasto, dal farro alle lenticchie, dal peperone rosso alle patate di montagna e non mancano nemmeno i tartufi.
Chiudono i pasti i dolci: i bocconetti di pasta frolla e i calzoncelli ripieni, il cervone a Natale e il fiadone a Pasqua, i confetti di Sulmona e la cicerchiata piccoli pezzi di pasta fritta e legata col miele, il torrone al cioccolato dell'Aquila o con i fichi di Chieti, i biscottini pepatelli e le ciambelle, dai tarallucci alle zeppole, alle ferratelle.




 

Potrebbero Interessarti Anche

1 commenti

  1. Excellent blog here! Also your website loads up very fast!
    What web host are you using? Can I get your affiliate link to your host?

    I wish my web site loaded up as fast as yours lol

    Also visit my webpage - aircraft charter

    RispondiElimina