Flan di Latte o Timballa 'e latte

Il flan di latte o timballa 'e latte o sa timballa è un dolce al cucchiaio della cucina tradizionale sarda diffuso in tutta la regione. Ha origini molto antiche e deriva dal famoso flan spagnolo, ho scoperto recentemente che si prepara anche in Portogallo, nelle Filippine e in Argentina.

Si tratta di una sorta di crème caramel aromatizzato al limone e cotto in forno a bagnomaria. Una ricetta casalinga, semplice e genuina che si prepara con pochissimi ingredienti. Oggi è una preparazione ormai in disuso perché prevede tempi di preparazione lunghi e si preferiscono i budini confezionati ma, come potrete immaginare, questo flan è tutta un'altra cosa.
Tempo di preparazione:
1 ora e 30 minuti più il tempo di raffreddamento (almeno 4-5 ore)
Ingredienti per 4-6 persone:
Per il flan:
1 litro di latte
g 150 di zucchero (circa 1 cucchiaio abbondante per ogni uovo)
8 uova
1 limone
Per il caramello:
g 50-60 di zucchero
2 cucchiai di acqua
qualche goccia di limone

Procedimento:
Lavate e pelate il limone e mettete la scorza privata della parte bianca in una casseruola con il latte , fate scaldare a fuoco basso e, quando arriverà al punto di ebollizione, spegnete il fuoco e lasciatelo intiepidire.
Nel frattempo in una ciotola sbattete le uova intere con lo zucchero, eliminate la scorza di limone e unite il latte tiepido, mescolate per qualche minuto e lasciate riposare.
Preparate il caramello versando in un pentolino lo zucchero e l'acqua, mescolate, mettete il pentolino sul fuoco e unite qualche goccia di limone, fate sciogliere lo zucchero a fiamma bassa finché diventerà di colore bruno. Togliete il caramello dal fuoco, versatelo in uno stampo antiaderente e fatelo roteare velocemente in modo che il caramello ricopra con uno strato uniforme tutte le pareti interne dello stampo e lasciate intiepidire. 
Quando il caramello sarà tiepido versate nello stampo il composto di latte e uova filtrandolo attraverso un colino. Adagiate lo stampo dentro una teglia (io ho utilizzato una teglia tonda da torta) piena per metà di acqua, il livello dell'acqua deve coprire almeno 3/4 dello stampo.
Cuocete il flan nel forno caldo a 180° per circa 1 ora verificando la cottura prima di sfornarlo.
Il flan sarà pronto quando sarà dorato in superficie e muovendo lo stampo risulterà fermo e sodo. Sfornatelo, lasciatelo raffreddare e mettetelo in frigorifero per almeno 3-4 ore. 
Prima di servirlo eliminate dal bordo dello stampo eventuali crosticine e immergetelo per qualche secondo in acqua calda, asciugate lo stampo, ribaltate il flan su un piatto da portata e servite.
Varianti:
La ricetta in origine non prevedeva il caramello che è stato aggiunto successivamente.
In alcune varianti questo dolce può essere aromatizzato con la vaniglia o, come nella tradizionale preparazione bonese, con il caffè.

17 commenti:

  1. Great post!

    You have a nice blog!

    Would you like to follow each other? (f4f) Let me know on my blog with a comment! ;oD

    Have a great day!

    xoxo Jacqueline
    www.hokis1981.com

    RispondiElimina
  2. I dolci al cucchiaio sono i miei preferiti, quello che ci proponi è superlativo....ma si chiama anche la tte in piedi? un bacione, bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri, sai che non conoscevo il latte in piedi? Ho cercato la ricetta e ho scoperto che sono molto simili, variano di poco gli ingredienti ma sono sicuramente parenti. :D
      Baci e buon weekend.

      Elimina
  3. Si tratta di uno dei dolci classici più buoni della tradizione del passato, un po dimenticato che che tutti dovrebbero imparare a fare

    RispondiElimina
  4. Thank you for your comment on my blog!

    I follow you too! ;oD

    xoxo Jacqueline
    www.hokis1981.com

    RispondiElimina
  5. Un classico che adoro :)
    Te ne posso "rubare" un cucchiaino? ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Golosissimo, adoro i dolci al cucchiaio, bella ricetta e bel risultato, complimenti!

    RispondiElimina
  7. Che interessanti informazioni per un dolce che deve essere una meraviglia!!!
    Baci

    RispondiElimina
  8. La parte più difficile è quella di aspettare 4-5 ore... Grazie per questa ricetta favolosa! Cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
  9. Ciao, nuova follower; complimenti per il blog, qui la mia ultima recensione, appena pubblicata, se ti va ti aspetto da me come lettrice/lettore fissa/o

    https://ioamoilibrieleserietv.blogspot.it/2017/08/recensione-storie-di-animali-e-altre.html

    RispondiElimina
  10. Oh mamma Marina..mi hai fatto venire un'acquolina che non immagini :-P ha un aspetto delizioso e sono sicura che il suo sapore non delude le aspettative ^_^

    RispondiElimina
  11. Questo è il genere di dolce che più amo dev'essere una delizia i miei complimenti sinceri ❤

    RispondiElimina
  12. Non l'ho mai assaggiato, è davvero molto goloso! Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Ma questa meraviglia voleva sfuggirmi???
    Oh mamma che delizia!!!!
    Quando lo rifarai, avvisami prima che corro da te ^_*
    Un bacio grande

    RispondiElimina
  14. Che delizia! Un dolce che faceva spesso mia mamma! Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina