Taralli Dolci di San Biagio

02 febbraio

Questa è una ricetta tradizionale della cucina abruzzese, diffusa in molte regioni del sud e del centro Italia.

Si tratta di una ricetta semplice ma con tempi di preparazione abbastanza lunghi, quindi è particolarmente adatta per chi vuole rilassarsi in cucina in una lunga domenica piovosa.

Tempo di preparazione:
1 ora più il tempo di riposo (almeno 2 ore)
Ingredienti per 4-5 persone:
g 500 di farina 00
g 100 di zucchero
g 30 di di lievito di birra
1/2 di olio d'oliva
1/2 bicchiere di vino bianco (facoltativo)
2 cucchiai di semi d'anice
acqua e sale

Procedimento:
In una ciotola sciogliete il lievito con un dito d'acqua tiepida e aggiungete 100 g di farina. Impastate e formate un panetto, incidetelo a croce sulla superficie e lasciatelo riposare avvolto in un tovagliolo per almeno 1 ora o finché non avrà raddoppiato il suo volume.
Setacciate sulla spianatoia a fontana il resto della farina, fate un incavo al centro e mettetevi il panetto lievitato, il vino, l'olio, lo zucchero, i semi d'anice ed un cucchiaino di sale.
Incorporate questi ingredienti impastando con le mani fino ad ottenere un composto da lavorare sopra un piano e continuate ad impastare per almeno 10-15 minuti. Staccate tanti pezzetti e formate dei bastoncini spessi come una matita e lunghi circa 10-15 cm.
Attorcigliate ogni bastoncino su se stesso e riunitelo alle estremità formando un grosso anello, metteteli, man mano, su una teglia foderata con carta forno. Lasciateli lievitare per almeno 1 ora o finché non avranno raddoppiato il loro volume.
Cuocete i taralli nel forno già caldo a 180° per 30 minuti circa o finché risulteranno dorati in superficie. Lasciateli raffreddare e servite.
Tradizioni:
Questi taralli si preparano tradizionalmente il 3 febbraio per la ricorrenza di San Biagio protettore della gola che visse e fu martirizzato in Armenia, le sue spoglie furono poi portate in Lucania nella Basilica di Maratea, dove ancora oggi sono custodite.







Potrebbero Interessarti Anche

5 commenti

  1. Interessante la ricetta. Nonostante non mi piaccia passare molto tempo in cucina, la provero'!

    RispondiElimina
  2. Questa è una ricetta nuova per me ... grazie, riesci sempre a propormi qualcosa di nuovo e sfizioso ;) ciao.

    RispondiElimina
  3. Grazie di essere passata da me ... ricambio con gioia :) hai un blog veramente spettacolare, complimenti!

    RispondiElimina
  4. Una ricetta un po' troppo impegnativa per me, ma devono essere davvero buoni. bacio.

    RispondiElimina
  5. @Michele: grazie, sono felice di averti dato un'idea in più e ti assicuro che ne varrà la pena. A presto!
    @Fra: e che te lo dico a fare? Sono qui per questo no? Un abbraccio immenso.
    @L'Italiana: grazie di essere passata, trovo l'idea del tuo blog molto originale e spero che continuerai su questa strada. Brava!!
    @Nikita: ciao bella, ti ho mai detto che è per me sempre un grande piacere leggere i tuoi commenti? Comunque non te lo dirò mai abbastanza. Un bacio.

    RispondiElimina