29 ottobre 2013

Le Panelle o Frittatine di Ceci

E' uno dei piatti più popolari della cucina siciliana, una preparazione di origini antichissime tipica di Palermo e dintorni dove queste squisite frittatine sono diffusissime e si possono gustare nelle friggitorie, fisse o ambulanti, posizionate ai lati delle strade che attirano ogni giorno un'infinità di clienti. Associato ai classici panini al sesamo ed alle crocchè di patate, rappresenta il caratteristico spuntino palermitano.
Si tratta di una ricetta semplicissima e dal sapore delizioso che si ottiene da una sfoglia di farina di ceci ritagliata e fritta in olio bollente. Le panelle si possono gustare anche senza il pane, ma sempre rigorosamente calde.
Tempo di preparazione: 40' più il tempo di raffreddamento (almeno 30')
Ingredienti per 4-6 persone:
g 200 di farina di ceci
1/2 litro d'acqua fredda
1 manciata di prezzemolo tritato
abbondante olio per friggere
sale e pepe
succo di limone (facoltativo)
pane (facoltativo)
Preparazione:
Versate la farina di ceci in una casseruola, aggiungete l'acqua, poca alla volta per non fare formare grumi, mescolando con un cucchiaio di legno o con una frusta.
Unite il prezzemolo tritato, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Cuocete il tutto a fuoco basso sempre rimescolando, fino ad ottenere un impasto piuttosto solido (simile alla polenta).
Quando l'impasto si staccherà dal fondo della casseruola versatelo su un piano di marmo bagnato oppure su un piatto leggermente unto d'olio e livellatelo velocemente con una spatola bagnata fino ad ottenere uno spessore di 2-3 mm, lasciatelo raffreddare e tagliatelo a rettangoli.
Mettete a scaldare abbondante olio e, quando sarà bollente ma non fumante, immergetevi le panelle e friggetele per pochi minuti, rigirandole delicatamente e facendo attenzione a non romperle, finché saranno dorate da entrambi i lati.
Raccoglietele e mettetele a scolare su carta assorbente da cucina.
Servite le panelle caldissime spruzzate con qualche goccia di limone oppure fra due fette di pane o in panini al sesamo tagliati a metà.


18 commenti:

  1. mmmmmmmmmmmmm che buoni!!!>_<..mai assaggiate..che delizie!!!!!!>_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeee Seleny ... sono veramente deliziose, provale!!

      Elimina
  2. slurp! le ho gustate l'estate scorsa in quei di Trapani, sono deliziose!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty cara sei una donna fortunata, io le ho assaggiate una volta sola e oltretutto neanche in Sicilia :( Un bacio.

      Elimina
  3. Wow! devono essere veramente ottime, mai assaggiate ma se è semplice come sembra preparale dovrò provarci e sicuramente farò anche un figurone ;) bacio.

    RispondiElimina
  4. Ottimo Marlin...me sa che ti rubo pure questa per un'altra ricettina...hihihi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai pure Luca, è un piacere essere fonte d'ispirazione per le tue creazioni ;)

      Elimina
    2. grazie mille...poi ti faccio vedere...

      Elimina
  5. Mmmmm che bontà!!! queste frittatine fanno venire l'acquolina in bocca ...

    RispondiElimina
  6. Mi ricordano vagamente delle deliziose frittatine che ho assaggiato in un ristorante Arabo, è possibile? ad ogni modo mi ispirano molto quindi le proverò sicuramente. Besitos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima osservazione mia cara, sicuramente ti riferisci alle Falafel delle frittatine molto simili a queste (si differenziano solo per l'aggiunta di cipolla e spezie) ed altrettanto buone; d'altra parte tutta la cucina siciliana ha subito una forte influenza araba. Un bacio.

      Elimina
  7. sembra buonissima! proverò di sicuro a farla!
    colgo l'occasione per lasciarti il link del mio blog se ti va di passare :)

    http://spignattoereview.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Spignatto ... passata e complimenti, un blog molto utile e piacevole, grazie.

      Elimina
  8. Che roba strana !! questa ricetta è sicuramente adatta al mio blog ma non la conosco, la rubo, la provo e ti faccio sapere :) grazie.

    RispondiElimina
  9. Brave, brave, brave ... provate, provate, provate e fatemi sapere. Baciotti.

    RispondiElimina