Torta di Mele Renette

05 gennaio

Questo dolce tipico della Valle d'Aosta ha origini antichissime. La sua particolarità è negli ingredienti,  semplici e poveri, che erano facilmente reperibili in tutta la regione.

Il contrasto e l'accostamento tra il gusto saporito ed intenso delle mele renette esalta quello della frutta secca conferendo a questa torta un sapore particolare ed inconfondibile.

Tempo di preparazione: 
1 ora e 30 minuti
Ingredienti per 4 persone:
4 mele renette sode
1/2 litro di latte
2 uova intere
g 80 di di burro
g 100 di zucchero 
il succo di un limone
1 filoncino di pane raffermo
1 bustina di vanillina o la buccia grattugiata di un limone 
Per la decorazione:
g 150 tra nocciole, mandorle e gherigli di noci tritati
zucchero a velo

Procedimento:
Sbucciate le mele, privatele del torsolo, tagliatele a fettine sottili e passatele nel succo di limone perché non anneriscano.
Tagliate il pane a fettine sottili e fatele dorare da ambo le parti, in una padella, nel burro caldo.
Mettete in un pentolino il latte con lo zucchero e la vanillina (o la buccia grattugiata del limone) e fatelo sciogliere a fuoco basso.
Disponete in uno stampo rotondo uno strato di fette di pane, uno di mele, spolverizzate con lo zucchero e continuate gli strati fino ad esaurire gli ingredienti, terminando con il pane.
Sbattete le uova, aggiungete il latte tiepido e rimescolate. Ricoprite con il composto ottenuto le fette di pane e fate cuocere in forno già caldo a 180° per 1 ora.
Fate raffreddare la torta, sformatela, cospargetela in superficie con la frutta secca tritata e spolverizzatela con lo zucchero a velo.

Potrebbero Interessarti Anche

3 commenti

  1. Bellissimo post e una foto straordinaria ... mi piace. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Wow! queste sono le ricette che mi piacciono
    semplici e con ingredienti genuini ma ... sarò mica un po' antica ?!?

    RispondiElimina
  3. Nikita e MammaCheFame: Questa è una ricetta ormai quasi in disuso ma mi piace l'idea che possano 'rivivere' almeno in questo blog! Grazie di essere passate. Un abbraccio.

    RispondiElimina