16 luglio 2012

Strangolapreti

Un primo piatto classico della cucina italiana, molto saporito e facilissimo da preparare. Il nome sembrerebbe derivare dall'augurio fatto dagli anarchici ai preti dell'epoca abituati a trattarsi bene.
Gli strangolapreti sono diffusi in molte regioni d'Italia con diverse varianti, questa è la versione trentina. Si tratta di gnocchi preparati con mollica di pane, uova e spinaci conditi semplicemente con burro e salvia, ma si possono preparare anche con farina e acqua, ortiche o bietole, ricotta e parmigiano, e condire con sugo di pomodoro o ragù. In Emilia si preparano con sfoglia di pasta tagliata a strisce sottili.
Tempo di preparazione: 40'
Ingredienti per 4-6 persone: 
Per gli gnocchi
g 400 di mollica di pane
g 500 di spinaci anche surgelati
1/2 litro di latte tiepido
2 uova intere
farina e pangrattato mischiati
sale
Per il condimento
g 150 di parmigiano grattugiato
qualche foglia di salvia
1 pezzetto di cipolla tritata (facoltativo)
burro e sale
Procedimento:  
Lessate in poca acqua leggermente salata gli spinaci, scolateli, strizzateli e tritateli finemente oppure passateli al setaccio.
Sbriciolate la mollica di pane in una ciotola e versate il latte un poco alla volta, il pane dovrà essere ammorbidito ma non bagnato, altrimenti scolatelo.
Aggiungete le uova e schiacciate bene il tutto con una forchetta, quindi versate gli spinaci, rimescolate e unite il parmigiano, incorporate la farina mista al pangrattato fino ad ottenere un composto morbido e regolate di sale. Se il composto fosse troppo molle aggiungete altro pangrattato. 
Mettete sul fuoco una pentola non troppo alta con acqua leggermente salata e, quando bolle, prendete il composto con un cucchiaio bagnato spingendolo con un altro fin dentro l'acqua.
Immergete gli strangolapreti, pochi per volta, e scolateli con una schiumarola man mano che vengono a galla.
Versateli direttamente in una padella dove avrete fatto soffriggere il burro con la cipolla tritata e la salvia, spolverizzate il tutto con il parmigiano e servite.

Nessun commento:

Posta un commento