La Sicilia

29 dicembre

E' un'isola del Mar Mediterraneo che fa parte dell'Italia insulare, è costituita anche dalle isole Eolie, Egadi, Pelagie, Ustica e Pantelleria. E' la regione più estesa d'Italia e la più estesa isola del Mar Mediterraneo, la settima d'Europa, la quarantacinquesima del mondo e l'isola più popolata del Mediterraneo dopo Malta, è l'unica regione italiana ad annoverare due città fra le più popolose del Paese: Catania e il capoluogo Palermo.
La Sicilia è una delle mete turistiche più importanti d'Europa e nel Settecento era l'ultima tappa del Grand Tour il viaggio che i giovani aristocratici europei, in gran parte britannici, compivano in europa per perfezionare la loro educazione e la loro formazione spirituale.
Il suolo di questa regione è particolarmente fertile, soprattutto nelle vicinanze dell'Etna e nelle zone costiere; degne di rilievo sono la Piana di Catania, che è anche la più estesa, la Piana di Gela e la cosiddetta Conca d'oro situata nei pressi di Palermo.
La Sicilia è famosa nel mondo per i suoi agrumi che esporta in quantità considerevoli, un ruolo trainante hanno anche la viticoltura e la pesca; nelle zone interne, data la scarsità d'acqua, il territorio è destinato alla coltivazione di cereali e al pascolo.
Un crocevia del Mediterraneo in cui chiunque è passato ha lasciato un'impronta anche a livello gastronomico e così al cous cous africano si uniscono i dolci dal sapore medio-orientale, i vini di storia fenicia o la tradizione del riso che veniva esportato dagli Aragonesi; tutto ciò fa si che la cucina siciliana sia la più varia e spettacolare della nazione, la più ricca di sapori, influenze e contrasti in ogni suo aspetto, dalla quantità di ingredienti, prodotti tipici e ricette locali che spaziano dal miele alla mostarda, dal cioccolato di Modica ai pomodorini Pachino, ai capperi di Pantelleria, alla particolarità di ogni portata, dai primi alla carne, dai pesci all'originalissima pasticceria, da specialità tipiche come il pani ca meusa o gli arancini e il Passito.
Il cibo da strada in Sicilia ha una tradizione particolare, il più celebre è l'arancino o arancina nel palermitano, poi c'è il famoso pane con la milza, le crocchette di patate dette crocchè, il pitone diffuso sopratutto nel messinese, i tantissimi fritti come le panelle, schiacciate di farina di ceci, in genere queste preparazioni sono impreziosite dal sesamo e possono accompagnare una notevole varietà di formaggi e insaccati o fare ricetta a sé come nel caso del pane fritto con le uova, tutti piatti che possono far parte anche del settore antipasti, ma in Sicilia la parola antipasto assume una connotazione particolare, basti pensare che è considerata tale anche la caponata un piatto a base di melanzane e sedano, olive e capperi, pomodorini e cipolle, aceto e olio che basterebbe per un pasto completo, o le tante frittate come la millassata di carciofi e asparagi selvatici.
Per quanto riguarda i formaggi l'isola propone canestrati, caprini e pecorini come il pecorino rosso, il primo e il secondo sale, il piciantinu di pecora e la ricotta, spettacolare sopratutto nella versione salata e infornata, e poi la provola di Nebrosi e il tumazzu; tra i salumi troviamo la salsiccia di Nicosia, quella pasquarola e quella al finocchietto, il sabissatu e i salumi dell'Etna.
Le minestre sono quasi tutte di pasta e verdure o di legumi come lenticchie, ceci e fave, fa eccezione lo sciusceddu, uova sbattute in brodo, tanto formaggio e minuscole polpettine di carne magra e, naturalmente, le tante zuppe di pesce.
Per quanto riguarda la pasta tra le più saporite troviamo quella al forno che sia 'ncasciata, con tantissime varianti di lasagne o con gli anellini come si usa nel palermitano, altri formati di pasta, in genere lunga, si abbinano a mollica di pane fritta e acciughe oppure possiamo trovarle in preparazioni più elaborate e molto conosciute come la pasta alla Norma e la pasta con le sarde, ma anche con broccoli e acciughe o con la nunnata (i bianchetti); poi c'è la pasta con melanzane e salsiccia o con broccoli e salsiccia, quella con peperoni, pomodori, olive, capperi, acciughe e formaggio, la pasta fritta del siracusano, gli spaghetti con le zucchine fritte, quelli con le cozze e quelli con i ricci di mare, le penne con ricotta, gli spaghetti classici aglio, olio e peperoncino, fino allo sfincione di Palermo, che in realtà è una specie di pizza.
Non manca neanche il riso da quello con le sarde a con le verdure, in crespelle, sotto forma di arancini, di timballo o di gattò; tipici del trapanese sono il couscous al pesce e il pesto del tutto diverso da quello ligure.
Il pesce è una costante nella cucina siciliana, dalle amatissime alici fino all'aragosta, dai gamberi, gamberetti e affini alle cozze, dalle sarde alle cernie e agli sgombri, dal baccalà al pesce stocco del messinese a pesci particolari come la spatola, i bianchetti e tantissime altre varietà che abbondano nei mercati di ogni città che si affaccia sul mare, ma i pesci con cui la fantasia isolana si è sbizzarrita maggiormente sono sicuramente il tonno e il pesce spada.
In questa terra circondata dal mare non manca tuttavia la carne e le ricette tipiche vanno dalle polpette agli involtini, dalla trippa al cappone, dal polpettone al sugo al pollo alla brace, dallo spezzatino di agnello alle braciolette di vitello, fino alla sublime cotoletta alla palermitana, il tutto accompagnato da un trionfo di verdure come il cavolfiore, i broccoli, i carciofi, le fave e, sopratutto, le onnipresenti melanzane.
La frutta dell'isola spazia da fichi all'arancia rossa come il tarocco, dalle mele cotogne alle pesche, al tipico fico d'india (commestibile nonostante l'apparenza ostile data dalle spine), e poi meloni e angurie, limoni e cedri, nespole e gelsi e la tantissima frutta secca. Menzione speciale merita il miele, anzi i tanti mieli dell'isola e, naturalmente, le amatissime mandorle.
I dolci in Sicilia meritano un capitolo a parte, qui una semplice granita, che sia di limone, fragola, caffè, gelso o mandorla prevede di doversi addentrare in un altro argomento relativo alle tantissime brioche e alla panna siciliana molto più dolce e densa rispetto al resto d'Italia, ma i dolci forse più rappresentativi della pasticceria dell'isola sono i cannoli e sua maestà la cassata, anche nella versione mignon detta cassatina, da non confondere con le cassettine, un dolce al forno, poi c'è la pignolata tipica del messinese, il gelo di anguria o di melone, inoltre tutta la pasticceria derivata dalle mandorle e dalla pasta di mandorle che, sotto forma di pasta reale, da vita a creazioni artistiche, dalla frutta martorana alla pecora pasquale. Tantissimi sono anche i biscotti, dalle ciambelle ai moscardini, dai biscotti di mandorle ai totò, e poi il biancomangiare e la frutta candita, le frittelle di riso e quelle di frutta, il tartufo bianco e quello nero, fino al sorbetto.
 
  



Potrebbero Interessarti Anche

0 commenti

Ricette Regionali

le mie ricette su

Top blogsdiricette

trova ricetta

Paperblog
Gustosa Ricerca - ricette di cucina e motore di ricerca di ricette
Aggregatore

Disclaimer Blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7-03-2001.
Non è consentita la pubblicazione o riproduzione, anche parziale, senza il consenso esplicito dell'autrice.
Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autrice del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.